WIND - APPLICAZIONE CON DECORRENZA 1/1/2001 DEL CCNL 28/6/2000 PER

 LE IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE

 

VERBALE DI ACCORDO

 

La WIND Telecomunicazioni S.p.A. e CGIL, CISL e UIL si sono incontrate nei giorni 23 e 28 novembre, 5 e 14 dicembre 2000.

 

1. Le Parti, con riferimento:

 

·         a quanto previsto nella “Premessa” del CCL WIND Telecomunicazioni S.p.A. del 14 luglio 1998;

·         alla stipulazione del CCNL per le Imprese Esercenti Servizi di Telecomunicazione, avvenuta in data 28 giugno 2000 tra Confindustria e CGIL CISL e UIL;

·         al confronto tra le Parti stesse già avviato e successivamente sospeso nello scorso mese di settembre,

 

convengono che

 

con decorrenza 1° gennaio 2001, WIND Telecomunicazioni S.p.A. (d’ora innanzi WIND) applicherà il CCNL 28 giugno 2000 per le Imprese Esercenti Servizi di Telecomunicazione.

 

2. Accordo di armonizzazione

 

In considerazione:

- della particolare situazione, come puntualizzato da WIND,  determinatasi a seguito dell’uscita della Società dal sistema confindustriale con la conseguente impossibilità per la Società stessa di partecipare al sistema di gestione del contratto stesso, tanto direttamente che indirettamente, per il venir meno del mandato di rappresentanza a Confindustria, nonchè della prevista evoluzione del contesto societario e organizzativo;

- del carattere dinamico del CCNL 28 giugno 2000,

 

 

preso atto di tutto quanto sopra, le Parti hanno inteso

 

·         implementare a livello aziendale la disciplina del Sistema di Relazioni Sindacali prevista dal CCNL 28 giugno 2000;

·         definire modalità armonizzative della disciplina relativa al Rapporto Individuale di Lavoro di cui allo stesso CCNL 28 giugno 2000;

·         concordare che, in caso di modifiche, integrazioni e/o variazioni della citata normativa contrattuale nazionale concordate tra le parti stipulanti lo stesso CCNL, WIND e OOSS stipulanti il presente Accordo si incontreranno sulla relativa applicazione;

·         convenire che le condizioni di applicazione del presente Accordo saranno oggetto di puntuale verifica tra le Parti entro il 31 dicembre 2001 per valutarne la coerenza con l’evoluzione del contesto.


 

IMPLEMENTAZIONE A LIVELLO AZIENDALE DEL SISTEMA DI RELAZIONI SINDACALI

 

Le Parti stipulanti convengono sulla necessità di individuare un sistema di relazioni fondato sul reciproco riconoscimento dei ruoli e sul rispetto delle distinte prerogative, nonché caratterizzato dalla sistematicità dei rapporti sui temi individuati di comune interesse e dall’esame delle loro evoluzioni e ricadute specifiche nella realtà aziendale.

 

Gli strumenti relazionali di seguito determinati risultano orientati alla definizione di condizioni tali da prevenire le occasioni di insorgenza del conflitto, attraverso sia la diffusione sempre più ampia e generalizzata degli obiettivi d’impresa in funzione dei mutamenti e dell’evoluzione dei nuovi contesti tecnologici, organizzativi e di mercato, che il coinvolgimento delle istanze di rappresentanza.

 

L’Azienda, nel corso di un apposito incontro a livello complessivo aziendale, provvederà a fornire, con cadenza annuale, alle Segreterie Nazionali delle Organizzazioni Sindacali stipulanti, elementi conoscitivi afferenti le seguenti tematiche:

1.        scenari evolutivi, con riferimento al quadro istituzionale-regolatorio, ai fenomeni di evoluzione tecnologica ed ai  mutamenti di mercato;

2.        andamento del livello occupazionale aziendale – disaggregato per sesso, categoria e fascia d’età – e delle relative dinamiche interne correlate sia al quadro legislativo, ivi compresi gli strumenti di politica attiva del lavoro, che ai fenomeni connessi all’introduzione di tecnologie innovative;

3.        gli andamenti e le prospettive produttive conseguenti ai programmi qualitativi e quantitativi di investimento, con particolare riferimento a quelli che comportino diversificazioni di attività e nuove localizzazioni produttive;

4.        il sistema complessivo degli orari di lavoro;

5.        l’evoluzione degli assetti tecnologici  ed organizzativi e le relative ricadute sul sistema produttivo e sull’organizzazione complessiva del lavoro;

6.        le linee degli interventi in materia di ambiente e sicurezza sul lavoro e di salvaguardia degli impianti;

7.        i programmi qualificanti afferenti la formazione e l’aggiornamento professionale, avuto particolare riguardo alle azioni promosse nei confronti del personale femminile  e dei lavoratori eventualmente coinvolti in processi di mobilità;

8.        gli orientamenti e le azioni più significative rivolti al miglioramento della qualità dei servizi offerti alla clientela.

 

Nel corso di apposito incontro annuale a livello territoriale che si svolgerà di norma entro il 1° quadrimestre, l’Azienda fornirà alle RSU, ove costituite, e alle OOSS stipulanti il presente Accordo informazioni riguardanti gli argomenti di cui ai punti precedenti per quanto afferenti il territorio considerato.

Le aree geografiche interessate dall’informativa territoriale sono individuate secondo l’organizzazione territoriale aziendale, che al momento risulta così articolata:

Nord Ovest (Sesto San Giovanni): Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria;

Nord Est (Venezia): Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige; Emilia Romagna;

Centro (Roma): Toscana, Umbria, Lazio, Sardegna, Marche, Abruzzo, Molise;

Sud (Napoli): Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia.

 

Dichiarazioni a verbale

 

1. Le Parti concordano che nel corso degli incontri previsti a livello territoriale l’Azienda, su richiesta delle competenti RSU, ove costituite, o, in assenza delle RSA, fornirà anche specifiche informazioni su singole sedi ricomprese nell’area geografica di riferimento.

 

2. Le Parti convengono che:

 

a)       al di fuori delle procedure previste da norme di legge e dal presente Accordo, su richiesta anche di una delle Parti, sarà possibile concordare appositi incontri per una tempestiva informativa e/o esame su specifiche sopravvenute problematiche;

 

b)    sono fatte salve le esigenze derivanti dalla salvaguardia del segreto industriale e della riservatezza necessaria per non pregiudicare la realizzazione delle iniziative aziendali.

 

 

FORMAZIONE PROFESSIONALE

 

Tenuto conto delle previsioni di cui al comma 6 dell’art.2 del CCNL 28 giugno 2000, le Parti convengono che entro il primo semestre 2001 mesi sarà istituita una Commissione paritetica aziendale per la formazione professionale.

Tale Commissione sarà costituita da sei componenti, di cui tre in rappresentanza dell’Azienda e tre in rappresentanza congiunta delle Organizzazioni Sindacali stipulanti il presente Accordo e delle RSU.

La Commissione avrà i seguenti compiti:

Ø       monitorare i fabbisogni formativi connessi all’esigenza di mantenere livelli di professionalità coerenti con l’evoluzione tecnologica e organizzativa dell’impresa;

Ø       formulare linee guida in materia di aggiornamento e riconversione professionale in connessione ai fabbisogni formativi rilevati;

Ø       effettuare un’analisi quali-quantitativa dell’attività di formazione e riqualificazione svolta a livello annuale nell’Azienda.

Gli incontri della Commissione avverranno presso la sede centrale dell’Azienda.

Le decisioni della Commissione saranno adottate all’unanimità dei componenti.


ASSETTI CONTRATTUALI

 

Per quanto concerne gli assetti contrattuali le Parti fanno riferimento a quanto previsto dal Protocollo 23 luglio 1993, dal Patto per lo Sviluppo e l'Occupazione del 22 dicembre 1998 e dall’art.3 del CCNL 28 giugno 2000, in quanto compatibili con la disciplina prevista dal presente Accordo.


RECLAMI E CONTROVERSIE

 

Ferme restando le possibilità di accordo diretto tra le Parti per eventuali reclami sull’applicazione del presente Accordo, le controversie individuali e collettive tra Azienda e lavoratori saranno risolte possibilmente in prima istanza tra la Direzione aziendale e la RSU di riferimento o, in assenza, le RSA e, in difetto di accordo, con le competenti Organizzazioni Sindacali.

Le controversie collettive sull’applicazione del presente Accordo  saranno esaminate con le strutture territoriali delle OO.SS. stipulanti e, in caso di mancato accordo, saranno riesaminate con le strutture nazionali delle OO.SS. stipulanti. 

 


 

DISCIPLINA DEL RAPPORTO INDIVIDUALE DI LAVORO

Modalità armonizzative

 

FERIE

 

In aggiunta a quanto previsto ai commi 4 e 9 dell’art.31 del CCNL 28 giugno 2000 le Parti concordano che:

·         in caso di particolari esigenze di servizio che non abbiano reso possibile il godimento delle ferie nel corso dell’anno, ovvero in caso di impossibilità derivante da uno stato di malattia, infortunio o maternità, le stesse potranno essere fruite entro l’anno successivo a quello di maturazione;

·         le ferie maturate possono essere fruite a gruppi di 4 ore o a  giornate intere.

 

 

 

TRASFERTE - Ore di Viaggio

 

A integrazione dell’art.43 del CCNL 28 giugno 2000, le Parti concordano che ai lavoratori in trasferta, fatta eccezione per i lavoratori così come individuati dall’art.26 dello stesso CCNL 28 giugno 2000, spetta un compenso per le ore di viaggio impiegate al di fuori del normale orario di lavoro impiegate per il raggiungimento della località di destinazione e per il rientro nella sede di origine.

Tale compenso è determinato nella misura dell’85% della normale retribuzione, con esclusione, pertanto, di ogni maggiorazione (per es. per lavoro straordinario, notturno e festivo.)

 

 


PREVIDENZA COMPLEMENTARE

 

Con riferimento all’art.52 del CCNL 28 giugno 2000, le Parti convengono:

 

1.        di aggiornarsi sull’andamento dei lavori della Commissione bilaterale paritetica;

 

2.        di valutare congiuntamente le modifiche allo Statuto ed al Regolamento del fondo Telemaco individuate dalla suddetta Commissione bilaterale paritetica;

 

3.        di concordare, ricorrendone le condizioni, l’adesione al nuovo fondo di settore, fatto comunque salvo quanto previsto dall’art.52, comma 3, del CCNL 28 giugno 2000 relativamente ai lavoratori già iscritti a fondi di settore operativi.


 

 

AUMENTI PERIODICI DI ANZIANITA'

 

Fermo restando quanto previsto dall'art.41 del CCNL 28 giugno 2000 e a modifica migliorativa delle previsioni di cui all'Accordo Interconfederale 18 dicembre 1988, ai lavoratori assunti con contratto di formazione e lavoro negli anni 1998,  1999 e 2000, che abbiano maturato un periodo di servizio continuativo di almeno 24 mesi dalla predetta assunzione, sarà riconosciuto, con decorrenza 1° gennaio 2001, il primo aumento periodico di anzianità di cui all'art.41 del citato CCNL.

 

DICHIARAZIONE CONGIUNTA

 

Coerentemente con le previsioni di cui all'articolo 3 del CCNL 28 giugno 2000 le Parti si incontreranno entro il 1° quadrimestre 2001 per un esame congiunto delle materie di natura economica, oggetto di specifico rinvio a livello aziendale da parte del citato CCNL, in quanto non già definite nel presente Accordo.

Fino a diversa definizione l'Azienda continuerà ad applicare i trattamenti definiti già in essere. 

 


Per  WIND Telecomunicazioni S.p.A.                                                                           Per  CGIL

 

                                                                                                                             Marigia Maulucci

                                                                                                                                                             Carmelo Caravella

                                                                                                                                                             Valentina Scilironi

Raffaele Nardacchione                                                                                                                     Gianni Russo

                                                                                                                                                            Ferdinando Dossena

Cristina Del Monte                                                                                                                           Arturo Quartuccio

 

Gunther Di Giovanna                                                                                                       

                                                                                                    

                                                                                                     Per  CISL

                                                    

                                                                                                                             Eros Pizzi

                                                                                                                                                             Fulvio Giacomassi

                                                                                                                                                             Raffaella Di Rodi

                                                                                                                                                             Silvio Belleni

                                                                                                                                                             Ugo Amurri

                                                                                                                                                             Desirée Frascolla

                                                                                                                                                            

                                                                                                      Per  UIL

 

                                                                                                                             Enzo Canettieri

                                                                                                                                                             Luigi Ferrando

                                                                                                                                                             Carla Pasqui

                                                                                                                                                             Vittorio Desicato

                                                                                                                                                             Tiziano Barcella

 

Roma, 14 dicembre 2000