FONDAZIONI LIRICO SINFONICHE BIENNIO

 

 

 

           L’anno 2001 il giorno 29 del mese di maggio   in Roma

 

 

TRA

 

L’ANFOLS

 

E

 

il SLC-CGIL

la FISTEL-CISL

la UILSIC-UIL

la FIALS-CISAL

 

in attuazione di quanto previsto dalle disposizioni finali dell’accordo di rinnovo contrattuale 1° giugno 2000 ed in applicazione dei principi e dei criteri sugli assetti contrattuali contenuti nel Protocollo sul costo del lavoro 23.7.1993 si è stipulato il seguente accordo di rinnovo per il biennio economico 1.1.2000-31.12.2001 della parte economica del contratto collettivo nazionale di lavoro per il personale dipendente dalle Fondazioni lirico-sinfoniche:

 

1)    UNA TANTUM

Relativamente al periodo 1.1.2000/31.5.2001  ed a totale e completa copertura di tale periodo sarà corrisposto ai singoli lavoratori in servizio con rapporto di lavoro a tempo indeterminato alla data del  29 maggio 2001 un importo una tantum nella misura di cui alla successiva tabella.

 

L’importo una tantum sarà proporzionalmente ridotto per i lavoratori assunti dopo l’1.1.2000 ed in servizio alla data del 29 maggio 2001.

Per i lavoratori dipendenti dalle Fondazioni alla data del  29 maggio 2001  con rapporto di lavoro a tempo indeterminato con sosta stagionale l’importo una tantum sarà proporzionalmente rapportato al servizio effettivamente prestato nel periodo 1.1.2000/31.5.2001.

 

Relativamente al periodo 1.1.2000/31.5.2001 ed a totale e completa copertura di tale periodo sarà corrisposto ai singoli lavoratori il cui rapporto di lavoro a tempo indeterminato si sia risolto successivamente al 31.5.2001 un importo una tantum nella misura di cui alla successiva tabella.

 

L’importo una tantum sarà proporzionalmente ridotto per i lavoratori il cui rapporto di lavoro a tempo indeterminato sia iniziato dopo l’1.1.2000 e si sia risolto successivamente al 31.5.2001.

 

L’importo una tantum sarà altresì proporzionalmente ridotto per i lavoratori il cui rapporto di lavoro a tempo indeterminato si sia risolto entro il 31.5.2001.

 

Per i lavoratori il cui rapporto di lavoro a tempo indeterminato con sosta stagionale si sia risolto anteriormente alla data del 29 maggio 2001   l’importo una tantum sarà proporzionalmente rapportato al servizio effettivamente prestato nel periodo 1.1.2000/31.5.2001.

 

Ai lavoratori in servizio presso le Fondazioni alla data del   29 maggio 2001             con rapporto di lavoro a tempo determinato nonché ai lavoratori che hanno prestato servizio presso le Fondazioni nel periodo 1.1.2000/31.5.2001 con rapporto di lavoro a tempo determinato cessato anteriormente alla data del 29 maggio 2001                           sarà corrisposto a totale e completa copertura del servizio prestato nel periodo 1.1.2000/31.5.2001 un importo una tantum la cui misura sarà determinata rapportando proporzionalmente l’importo di cui alla successiva tabella al periodo di servizio effettivamente prestato nel periodo 1.1.2000/31.5.2001.

 

Le parti si danno atto che gli importi una tantum non saranno considerati utili agli effetti dei vari istituti contrattuali e della determinazione del trattamento di fine rapporto.

 

 

AREA ARTISTICA

 

Livelli                                                            Importo una tantum

 

                                                                                            613.000

                                                                                            554.000

                                                                                            497.000

                                                                                            452.000

                                                                                            379.000

                                                                                            317.000

 

AREA TECNICO-AMMINISTRATIVA

 

Livelli                                                            Importo una tantum

 

FA                                                                                            551.000

FB                                                                                            472.000

                                                                                             413.000

                                                                                             370.000

3° a                                                                                          350.000

3° b                                                                                          317.000

                                                                                             275.000

                                                                                             246.000

                                                                                             197.000 

 

 

2) MINIMI RETRIBUTIVI

 

Fermi restando i minimi tabellari mensili lordi e gli importi mensili lordi a titolo di e.d.r. di cui alle lettere A) e B) del punto 1) dell’art.3 dell’accordo 24.3.1998, gli importi mensili lordi a titolo di e.a.r. in essere dal 1.10.1999 per effetto della lettera B) parte economica dell’accordo 1.6.2000 sono aumentati secondo le gradualità appresso indicate dei seguenti importi mensili lordi a titolo di e.a.r.

 

AREA ARTISTICA                                                     

 

Livelli                                                                   Dal 1/6/2001              Dal 1/10/2001

 

               1° violino (1)

               1° violoncello

           direttore musicale palcoscenico             61.349                           105.169

               maestro collaboratore con obbligo

               di direzione orchestrale

 

               maestro gruppo A (2)

               maitre de ballet

            1^ cat.A orchestra                                   55.450                            95.057

                 tersicorei extra

 

               maestro gruppo B

             1^ cat.B orchestra                                    49.747                            85.281

               1° A tersicorei

 

             2^ cat. orchestra                                       45.225                            77.528

 

               1° B tersicorei (3)

               2° orchestra ingresso

             categoria speciale coro                             37.950                           65.056

               2^ cat. speciale tersicorei

 

               ingresso coro

             ingresso tersicorei                                    31.657                            54.270

 

 

(1)  Maggiorazione del 5% dell’importo previsto per il 1° livello

(2)  Maggiorazione del 5% dell’importo previsto per il 2° livello

(3)  Maggiorazione del 5% dell’importo previsto per il 5° livello

 

 

AREA TECNICO-AMMINISTRATIVA

 

Livelli                                                                       Dal  1/6/2001              Dal  1/10/2001

 

FA                                                                                 55.056                           94.382

FB                                                                                 47.191                           80.899

                                                                                  41.292                           70.787

                                                                                  36.966                           63.371

3° a                                                                               35.000                           60.000

3° b                                                                               31.657                           54.270

                                                                                  27.528                           47.191

                                                                                  24.579                           42.135

                                                                                  19.663                           33.708

 

3)    Considerata l’entrata in vigore del D.lgs. 25/2/2000 n.61 recante la nuova disciplina legislativa del contratto di lavoro a tempo parziale, le parti, nel ribadire le regole ed i criteri sugli assetti contrattuali dettati dal Protocollo sul costo del lavoro 23.7.1993, hanno convenuto sulla necessità di rielaborare la normativa contrattuale in materia di contratto a tempo parziale al fine di adeguarne tempestivamente i contenuti alle nuove previsioni di legge.

 

 

 

CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

 

Per   lavoro a tempo parziale, in applicazione di quanto previsto dal decreto legislativo 25.2.2000 n.61, si intende il rapporto di lavoro prestato ad orario inferiore rispetto a quello previsto dal presente contratto.

 

Il rapporto di lavoro a tempo parziale può essere di  tipo:

 

a)      orizzontale, quando la prestazione si svolge con orario ridotto rispetto all’orario normale giornaliero di lavoro;

b)      verticale e ciclico, quando la prestazione si svolge a tempo pieno limitatamente a periodi determinati nel corso della settimana, del mese o dell’anno.

 

Il rapporto di lavoro a tempo parziale può svolgersi secondo una combinazione delle modalità indicate nelle lettere a) e b) del precedente 2° comma, che contempli giornate o periodi a tempo pieno alternati a giornate o periodi ad orario ridotto o di non lavoro, specificamente indicati nella lettera d’assunzione ovvero nell’atto di trasformazione del rapporto da tempo pieno a tempo parziale o di modifica della precedente determinazione della durata o della collocazione temporale della prestazione.

 

L’instaurazione del rapporto di lavoro a tempo parziale deve risultare da atto scritto, sul quale deve essere indicata la durata della prestazione lavorativa e la relativa distribuzione.

 

Il rapporto di lavoro a tempo parziale è disciplinato secondo i seguenti principi:

 

-       possono accedervi nuovi assunti o lavoratori in forza per tutte le qualifiche e mansioni previste dal presente contratto;

-       volontarietà di entrambe le parti;

-       reversibilità della prestazione da tempo parziale a tempo pieno tenuto conto delle esigenze aziendali e compatibilmente con le mansioni svolte o da svolgere, ferma restando la reciproca volontarietà;

-       priorità nel passaggio da tempo pieno a tempo parziale e viceversa dei lavoratori già in forza, rispetto ad eventuali nuove assunzioni, per le identiche mansioni.

 

Con specifico patto scritto tra lavoratore ed azienda può essere concordato lo svolgimento del rapporto di lavoro a tempo parziale secondo modalità elastiche che consentano la variabilità della collocazione temporale della prestazione lavorativa, anche determinando il passaggio da un part-time orizzontale a verticale o viceversa, ovvero ad un sistema misto.

 

L’esercizio da parte del datore di lavoro del potere di variare la collocazione della prestazione lavorativa di cui al comma precedente comporta un preavviso a favore del lavoratore di almeno dieci giorni. Per le sole ore prestate a seguito dell’esercizio di tale potere da parte del datore di lavoro, al di fuori degli orari e degli schemi concordati all’atto dell’instaurazione del rapporto a tempo parziale ovvero di trasformazione del rapporto da tempo pieno a tempo parziale, ovvero di modifica degli stessi, compete al lavoratore la maggiorazione del 10% della retribuzione oraria.

 

Il trattamento economico e gli istituti normativi del presente contratto, in quanto compatibili con il rapporto di lavoro a tempo parziale, saranno proporzionalmente commisurati alla ridotta durata della prestazione lavorativa.

 

Per il personale assunto con contratto a tempo parziale di tipo verticale o misto, la durata del periodo di prova dovrà essere computata in giornate lavorative, calcolandosi per ogni mese 26 giornate lavorative.

 

Ai fini dell’applicazione dei comporti contrattuali utili per i passaggi di livello, le prestazioni di lavoro a tempo parziale saranno computate in proporzione alla ridotta prestazione di lavoro.

 

Quanto alla durata del periodo feriale, il lavoratore con rapporto a tempo parziale di tipo orizzontale ha diritto ad un periodo feriale pari a quello spettante al lavoratore a tempo pieno. Il lavoratore con rapporto a tempo parziale di tipo verticale o misto ha diritto ad un periodo feriale proporzionato alle giornate di lavoro prestate nell’anno.

 

Nei rapporti di lavoro a tempo parziale di tipo orizzontale o misto è consentito, previo assenso del lavoratore, lo svolgimento di prestazioni di lavoro supplementare rispetto a quelle concordate, in occasione di punte di più intensa attività, di necessità di sostituzione di lavoratori assenti ovvero per specifiche esigenze di carattere straordinario. In tal caso il ricorso al lavoro supplementare è ammesso nei limiti del 50% dell’orario ridotto pattuito. Le ore di lavoro supplementare effettuate entro tale limite sono retribuite con la maggiorazione del 15%. Per le ore di lavoro supplementare svolte oltre tali limiti si applicano le norme di legge in materia.

 

Il lavoratore a tempo parziale che presti ore di lavoro supplementare in via continuativa avrà diritto al consolidamento totale o parziale nell’orario base individuale della prestazione supplementare continuativa. A tal fine, per prestazione supplementare continuativa agli effetti del consolidamento si intende il lavoro supplementare che superi l’orario base individuale settimanale concordato di oltre il 30% dello stesso, per un periodo di almeno nove mesi nell’arco temporale dei dodici mesi precedenti. Il consolidamento avverrà su istanza scritta del lavoratore interessato, dovrà risultare da atto scritto e decorrerà dalla data di presentazione dell’istanza.

 

Nei rapporti di lavoro a tempo parziale di tipo verticale è consentito lo svolgimento di prestazioni lavorative straordinarie in relazione alle giornate di attività lavorativa nel rispetto delle disposizioni dettate dal presente contratto in materia di lavoro straordinario.

 

Lo svolgimento di prestazioni lavorative supplementari e straordinarie è consentito, oltre che nei rapporti a tempo indeterminato, anche nei casi di assunzioni a termine di cui all’art.1, comma 2 della legge 230/1962 e di cui all’art. 1 parte normativa dell’accordo 1° giugno 2000.

 

 

Letto, confermato e sottoscritto.

 

 

                                                                      per il   SLC-CGIL

 

 

                                                              

 

                                                               per la  FISTEL-CISL

 

 

Per l’ANFOLS

 

                                                               per la  UILSIC-UIL

 

 

 

                                                              

                                                               per la  FIALS-CISAL