BLU - APPLICAZIONE CONTRATTO E ACCORDO DI ARMONIZZZIONE

 

VERBALE DI ACCORDO

 

Il giorno 5 marzo 2001, presso l’Unione degli Industriali di Roma,

 

tra:

 

-                  BLU S.p.a. rappresentata dal Presidente Giancarlo Elia Valori, dall’Amministratore Delegato Enrico Casini e dal Direttore Risorse Aziendali Alberto Tagliaferro;

 

e

 

-                  C.G.I.L. rappresentata da Walter Cerfeda, Marigia Maulucci, Fulvio Fammoni, Carmelo Caravella;

 

-                  C.I.S.L. rappresentata da Ermenegildo Bonfanti, Eros Pizzi, Angelo Marinelli, Fulvio Giacomassi;

 

-                  U.I.L. rappresentata da Paolo Pirani, Enzo Canettieri, Luigi Ferrando, Giacinto Menis;

 

 

BLU Applicazione CCNL 28/06/2000 e accordo di armonizazione

 

Sono state raggiunte le seguenti intese:

 

 

1)    Applicazione CCNL 28/06/2000

 

Le parti, con riferimento:

 

-                  a quanto convenuto nella premessa e nel punto “decorrenza e durata” del contratto aziendale BLU del 6 marzo 2000 in ordine alla natura transitoria dello stesso;

 

-                  alla intervenuta sottoscrizione del CCNL di settore,

 

concordano che il Contratto Nazionale di Lavoro per le imprese esercenti servizi di telecomunicazione, sottoscritto tra Confindustria e CGIL-CISL-UIL il 28 giugno 2000, sarà applicato a tutti i dipendenti di BLU a partire dal 1° marzo 2001.


 

 

2)    Accordo di armonizzazione

 

Le parti, inoltre:

 

-           richiamandosi alla premessa del contratto aziendale BLU del 6 marzo 2000 ed in particolare alla riconosciuta esigenza di dare a BLU un assetto contrattuale in grado di assicurare dinamica dei costi e flessibilità organizzativa e di prestazioni adeguati a sostenere la delicata fase di avvio ed il progressivo consolidamento delle attività;

 

-           tenuto conto, in questa prospettiva, dei rilevanti impegni che BLU dovrà ancora sostenere e degli obiettivi da raggiungere nel corso del 2001;

 

-           tenuto altresì conto di taluni aspetti dinamici del CCNL 28 giugno 2000, sia per quanto riguarda la possibile individuazione di modifiche e integrazioni della disciplina contrattuale nell’arco di vigenza dello stesso contratto, sia per quanto riguarda l’individuazione di soluzioni tecniche idonee a rendere applicabili a tutte le aziende del settore l’istituto della previdenza complementare, sia per quanto riguarda lo scenario complessivo e l’assetto contrattuale del settore,

 

hanno raggiunto le seguenti intese:

 

1)    I livelli retributivi minimi definiti dal CCNL 28 giugno 2000 da valere fino al 31 dicembre 2000 (allegato 1) resteranno in vigore per i dipendenti BLU fino al 31 maggio 2001. Gli importi di aumento dei minimi tabellari definiti in 2 tranches dallo stesso contratto, fatte salve le pattuizioni individualmente intervenute, decorreranno perciò rispettivamente dal 1° giugno 2001 e dal 1° marzo 2002.

 

2)    Le parti esamineranno, in un apposito incontro da programmarsi nel mese di dicembre 2001, le condizioni dell’azienda e le sue prospettive – tenendo conto dell’andamento della competitività, del posizionamento sul mercato e della redditività – nonché l’assetto occupazionale complessivo e la diversa tipologia di contratti utilizzati (qualità, quantità, tempi), ivi compresi i contratti di formazione lavoro in relazione alla loro trasformazione a tempo indeterminato. Ciò al fine di acquisire elementi di conoscenza comuni per la definizione della contrattazione aziendale, da avviarsi entro il primo semestre 2002.

 

3)    Gli importi e le modalità applicative dell’istituto della reperibilità, previsto dall’art. 27 del CCNL 28 giugno 2000, sono quelli definiti nell’art. 2 parte comune sez. 3 (reperibilità operativa) del contratto aziendale BLI del 6 marzo 2000, salvo successive eventuali modifiche definite nella contrattazione di 2° livello.


 

 

4)    La disciplina generale prevista dal CCNL 28 giugno 2000 agli art. 29 (riposo settimanale) e 30 (lavoro straordinario, notturno e festivo) è integrata dalle previsioni dell’art. 4 (addetti alle centrali operative) parte comune sez. 3 del contratto aziendale BLU del 6 giugno 2000.

 

5)    Tenendo conto delle attività straordinarie, collegate alla implementazione di unità operative e/o servizi e delle particolari esigenze di operatività, connesse all’avvio graduale dei sistemi automatizzati e al progressivo apprendimento delle risorse, BLU potrà utilizzare contemporaneamente, per l’intero anno 2001, un numero massimo di n. 400 lavoratori con contratto temporaneo (interinali).

 

 

 

 

 

Per BLU                                              Per CGIL

 

 

 

 

 

 

                                                         Per CISL

 

 

 

 

 

 

                                                         Per UIL